Oasi Troina, inchiesta della Procura: la solidarietà dei dipendenti


Il Collegio di Direzione dell’IRCCS Oasi di Troina, in riferimento all’indagine della Procura europea in corso presso l’Istituto, che coinvolgono i vertici dell’Oasi e che stanno avendo una vasta risonanza negli organi di stampa, desidera esprimere solidarietà al presidente Don Silvio Rotondo e ai suoi più stretti collaboratori.

“La nostra solidarietà – affermano i dipendenti di Oasi SRL, Agrima e Collegio direzione Irccsè sostenuta dalla piena convinzione che si riuscirà a dimostrare l’estraneità ai fatti contestati, la trasparenza e la legalità nella gestione di un’opera complessa, che ha avuto sempre una chiara finalità di natura clinica e scientifica costantemente rivolta a favore dei più deboli, nell’ottica dell’umanesimo solidale.

Esprimiamo, inoltre, la massima fiducia nel lavoro della Procura di Palermo e auspichiamo che il chiarimento di questa vicenda metta il presidente, le volontarie, gli amministratori, i sanitari e tutti i dipendenti dell’Oasi, nella condizione di continuare a lavorare serenamente nel processo di riorganizzazione e rilancio dell’Opera avviati negli ultimi anni, con l’impegno di garantire sempre più servizi di eccellenza alle persone con disabilità e alle loro famiglie.

Tutti i lavoratori della società agricola AGRIMA Srl in relazione ai fatti riportati nei giornali dei giorni scorsi, manifestano piena fiducia nei confronti dell’autorità Giudiziaria, ed esprimono vicinanza alla società ed all’amministratore della società. Il lavoro svolto con grandi sacrifici e trasparenza nel rispetto delle persone e della terra, grazie ai quali viene assicurato un elevato livello dei cibi prodotti, di cui parte sostanziale finisce nelle mense dall’Associazione Oasi Maria SS, contribuisce in maniera determinante al benessere dei disabili e delle loro famiglie. Si continuerà con orgoglio a lavorare e produrre il buon cibo, nel silenzio della campagna e lontano da qualsiasi fatto che non corrisponde a verità.

I dipendenti della società Oasi Maria Ss Srl esprimono piena fiducia nell’attività dell’Autorità Giudiziaria e nel contempo Vicinanza alla società ed agli amministratori e dirigenti, ricordano a tutti che la società per la quale dipendono è composta da personale che da decenni lavora con grande spirito di sacrificio e abnegazione, grazie al quale viene assicurato un elevatissimo standard qualitativo dei servizi sanitari offerti dall’Irccs, contribuendo in maniera determinante al benessere dei disabili e delle loro famiglie; rivendicano con orgoglio la centralità del loro operato e di quello dei dirigenti della società, esprimendo piena fiducia nell’agire di questi ultimi e certezza della loro totale estraneità alle notizie riguardanti vicende giudiziarie diffuse in questi ultimi giorni dagli organi di informazione;

Sottolineano l’importanza dell’Oasi e delle società che collaborano attorno al progetto di Padre Luigi Ferlauto che, dal 1950, ha garantito benessere e prestigio, sociale ed economico, ad un territorio da troppo tempo dimenticato e bistrattato dalla politica e dalle istituzioni. Auspicano che le indagini in corso consentano di accertare in tempi brevi la verità e, nel contempo, allontanare e neutralizzare persone e forze ostili all’Oasi ed alla popolazione troinese”.

Dalla stessa categoria