Sant’Agata, bare senza sepoltura: al cimitero è emergenza sanitaria


Al cimitero di Sant’Agata di Militello è emergenza sanitaria. Lo si legge nell’ordinanza che assume caratteristiche d’urgenza firmata dal sindaco Bruno Mancuso che interviene al fine di contrastare la situazione emergenziale creatasi all’interno del camposanto a causa delle 15 bare “parcheggiate” all’interno della Chiesetta e della camera mortuaria che non hanno ancora una sepoltura.

Da settimane questo giornale ha posto l’attenzione su questo problema, riportando le lamentele dei familiari dei defunti. La dirigente medico del dipartimento di prevenzione di Sant’Agata, la dott.ssa Giovanna Frasconà, non aveva ritenuto, a seguito di un suo sopralluogo, di chiudere al pubblico la Chiesa e la camera mortuaria. Adesso però il sindaco ha preso in mano l’iniziativa per accelerare il progetto di realizzazione di 40 nuovi loculi che dovrebbe tamponare l’emergenza.

Infatti il primo cittadino, si legge nell’ordinanza “ha ordinato al RUP di procedere all’approvazione in linea tecnica del progetto di realizzazione di nuovi loculi all’interno del Cimitero comunale e di predisporre ogni atto per l’approvazione amministrativa, di individuare l’iter procedurale più snello per la realizzazione dell’opera e l’affidamento dei lavori, tenuto conto della situazione emergenziale”.

Già il 14 marzo 2022 avevamo dato notizia che l’ufficio tecnico del Comune aveva assegnato ad professionista, l’ingegnere santagatese Dario Mamì, la realizzazione del progetto dei nuovi loculi.

Dalla stessa categoria