Sinagra, docente accusato di pedopornografia sceglie l’abbreviato


Il professore 59enne di Sinagra, ai domiciliari dall’8 settembre scorso perché accusato di pedopornografia minorile e adescamento di un ragazzina di 13 anni, residente in un altro centro nebroideo, ha scelto il rito abbreviato. L’udienza, davanti al GUP del Tribunale di Patti, è stata fissata per il 14 dicembre. In caso di condanna il docente, difeso dagli avvocati Alessandro Pruiti Ciarello e Vincenzo Amato, vedrà ridotta di un terzo la pena. La famiglia della presunta vittima chiederà di costituirsi parte civile.

Dalla stessa categoria