E’ caduta a terra e lì è rimasta fino all’arrivo dell’ambulanza del 118. E’ accaduto ad un’anziana signora di Mistretta che faceva rientro verso casa dopo aver partecipato alla Santa messa serale.

La 90enne è inciampata lungo il tragitto che dal Santuario, intitolato a Maria Santissima dei Miracoli, porta a casa sua, in un tratto di strada, via Lumaca, non illuminato, finendo per stramazzare al suolo, riportando diversi traumi ed escoriazioni. Nonostante non sia riuscita più a rialzarsi, la nonnina è stata brava a conservare quel poco di lucidità che le ha permesso di prende dalla tasca del suo cappotto il telefono cellulare, schiacciare il tasto in cui è memorizzato il numero di telefono di una delle figlie, le quali si sono precipitate sul luogo indicato dalla madre, muniti di lampadina tascabile, attivando così i soccorsi dopo aver ritrovato l’anziana madre.

La donna, sanguinante dalla bocca a causa dell’impatto violento con un gradino, è stata trasportata al Pronto Soccorso del locale nosocomio per gli accertamenti del caso dove i medici hanno avuto modo di riscontrare diversi traumi e altrettanti lesioni decidendo di trattenere in osservazione la 90enne, per diverse ore. L’episodio è accaduto alle ore 19 di qualche giorno addietro. L’anziana, nella fase analitica del processo diagnostico, ha riferito ai sanitari di essere caduta a causa del buio.

La strada è scarsamente illuminata e i residenti – raccontano – avrebbero segnalato la problematica all’Ufficio tecnico del Comune parecchi mesi fa. Anche noi siamo andati a verificare e, esattamente come ha riferito la malcapitata, nella zona indicata la sera non sussistono le condizioni minime di visibilità. Abbiamo fatto altro. Sabato scorso ci siamo fatti un giro per buona parte del centro e abbiamo contato oltre 700 punti luce spenti.

Leggi anche:  Lutto nell'imprenditoria amastratina, è morto Carlo Sidoti

Come abbiamo già avuto modo nel recente passato di raccontare, non c’è giorno in cui i cittadini non denuncino a questo giornale l’inconveniente legato all’insufficienza di un sistema, quello dell’illuminazione pubblica, che genera degrado e insicurezza. La città, nonostante la manutenzione e la gestione ordinaria degli impianti d’illuminazione pubblica sia regolarmente gestita da un’impresa del settore, si presenta con molte strade al buio dove non è raro incontrare pedoni che camminano facendosi luce con torce o con i cellulari. L’emergenza pubblica illuminazione a Mistretta continua a rappresentare un serio pericolo. Oltre a mettere a rischio l’incolumità dei cittadini è diventata un indecoroso biglietto da visita che mortifica la città.