“Il sopralluogo effettuato dal Presidente della Fondazione Giglio e dai rappresentanti dell’ASP 5 di Messina conferma la bontà delle rivendicazioni portate avanti dai Sindaci del Distretto socio sanitario D29, che dallo scorso mese di marzo cercano in ogni modo di accendere i riflettori sull’ospedale SS. Salvatore e sul diritto per i cittadini del Distretto di poter contare su una risposta sanitaria efficiente ed efficace” – dichiarano i sindaci della Valle dell’Halaesa in merito al sopralluogo, avvenuto nella giornata di ieri, del presidente dell’ospedale Giglio di Cefalù, Giovanni Albano.

“L’Ospedale di Mistretta, grazie agli investimenti fatti nei primi anni di questo millennio, fino ad una decina di anni fa era pienamente funzionante, e anche nella sua sala operatoria sino al 2018 venivano effettuati interventi di chirurgia generale, di otorino e di ortopedia, tanto che nel sopralluogo odierno il presidente Albano ha potuto constatare la piena agibilità della stessa sala, che ne permetterebbe un suo utilizzo immediato, potendovi eseguire interventi di urologia, chirurgia e ortopedia.

Dopo la fase di smantellamento della struttura è giunto il momento che si inverta la rotta e che l’Ospedale di Mistretta possa ritornare a far parte a pieno titolo del SSR offrendo il suo indispensabile servizio ai cittadini del comprensorio e non solo. Chiediamo adesso alla VI Commissione e all’Assessore Razza che, una volta preso atto della efficienza della
struttura ospedaliera, si trovino le soluzioni per permettere la stipula dell’auspicata convenzione tra l’ASP di Messina e la fondazione Giglio e per questo confidiamo che dopo anni di tagli si possa tornare a rivedere la luce.

In qualità di rappresentanti dei nostri concittadini, non potremmo infatti tollerare che il percorso oggi intrapreso possa subire battute d’arresto, in caso contrario saremo pronti ad alzare le barricate” – concludono i sindaci.

Leggi anche:  Conte ha la fiducia con 156 voti