Virus EHD in Sicilia, sbloccate le movimentazioni degli animali


Dopo la scoperta del Virus EHD nei bovini in Sicilia, è ripresa la movimentazione regionale del bestiame in 6 province. Un’importante novità che riguarda gli allevamenti siciliani è arrivata infatti dall’Assessorato Regionale alla Sanità che ha sbloccato la movimentazione regionale dei capi di bestiame in sei province siciliane. Escluse dal provvedimento, al momento, le province di Palermo, Trapani ed Agrigento. Il blocco era arrivato a seguito della scoperta in alcuni allevamenti della Malattia Emorragica Epizootica del Cervo (EHD). Si tratta di una malattia infettiva non contagiosa per l’uomo trasmessa da insetti del genere Culicoides che colpisce ruminanti domestici e selvatici.

Il caso al Consiglio comunale di Santo Stefano di Camastra

Intanto a Santo Stefano di Camastra si è tenuto un consiglio comunale proprio per mettere in risalto il pericolo rappresentato dal virus EHD e dalla richiesta del Ministero per le aziende zootecniche. Avendo gli imprenditori fatto notare in questa sede che attualmente le mandrie sono situate principalmente presso i pascoli di montagna, con l’arrivo dell’inverno alle porte un eventuale blocco delle movimentazioni in sede regionale porterebbe alla non sopravvivenza degli animali, in quanto non ci sarebbero le condizioni per far soggiornare per cinque mesi i bovini in altura.

Il commento del deputato regionale Pino Galluzzo 

“Lo sblocco delle movimentazioni degli animali in alcune province siciliane, in tempi così brevi, è stato possibile grazie al lavoro impeccabile ed efficiente portato a termine dall’Ufficio Speciale per la Sanità Animale e la Sicurezza Alimentare coordinato dal Dott.Pietro Schembri, che ringrazio per la saggia decisione unitamente all’Assessore con delega alla Sanità, Dott.ssa Giovanna Volo, per il proficuo e sapiente coordinamento e per la sensibilità da subito dimostrata sul tema. Adesso è necessario continuare a lavorare per migliorare la legislazione di settore. Un impegno che voglio assumere fin dal principio di questa legislatura. Allevatori e Medici Veterinari meritano tutta la nostra attenzione”.

Dalla stessa categoria